Metal Free

La nostra ricerca dopo essere stata presentata nella sua completezza inizio del 2016, ha continuato il suo sviluppo affrontando la tematica delle sotto strutture protesiche, poiché queste sono fondamentali per garantire alle protesi resistenza e rigidità. Nella quasi totalità dei casi, per realizzare questo tipo di strutture i materiali utilizzati sino ad oggi sono stati i metalli, i risultati dal punto di vista meccanico sono sicuramente validi, discutibili invece quelli che riguardano la loro biocompatibilità, vedi correnti galvaniche, ossidazioni.

I metalli sono da sempre al centro di dibattiti riguardo le loro reazioni chimiche in cavo orale, infatti la bocca grazie alla saliva diventa una perfetta cella galvanica che ne favorisce le reazioni, il problema si conosce da sempre e oggi è molto accentuato da un diffuso uso, per motivi economici, delle cosiddette leghe vili a basso costo : cromo, cobalto, etc.

Al punto in cui siamo arrivati con il nostro lavoro cioè la definizione di un sistema di rivestimento estetico atossico è chiaro che il passo successivo, se si vogliono realizzare dispositivi completamente sicuri per la salute dei pazienti, dobbiamo affrontare inevitabilmente la problematica dei materiali da utilizzare per strutture che vadano a completare i nostri apparecchi senza metalli per le sopraddette motivazioni.


Quindi a partire dal 2016 ci siamo prodigati in questo senso e abbiamo cercato delle soluzioni con tecnopolimeri di nuova generazione a base di PEEK (polietereterchetone), i risultati sono stati semplicemente straordinari e ci stanno spingendo all’ utilizzo anche di altri tipi di tecnopolimeri a base di fibre di carbonio e di vetro.

Oggi possiamo affermare grazie all’ ulteriore step “metal free” della nostra ricerca che esiste la possibilità di realizzare dispositivi protesici completamente biocompatibili e chimicamente inerti grazie all’ uso di materiali moderni e rivoluzionari che già hanno diversi anni di sperimentazione clinica.

Inoltre questa classe di dispositivi “TRE” oltre le suddette caratteristiche, hanno proprietà di stabilità, precisione, resistenza maggiori dei dispositivi realizzati con materiali convenzionali. Le nostre convinzioni che questa sia la strada futura è supportata da elementi che riguardano anche altre classi dispositivi che si vanno realizzando nel nostro settore a livello industriale come :

 

 http://it.sisomm.com/peek-perso/

 

https://www.straumann.it/content/dam/internet/straumann_xy/resources/prosthetics-2016/490.115-it_low.pdf,,,

 

                Link di riferimento tecnopolimeri per strutture protesiche

 

http://www.micromedicasrl.it/index.php?op=prodotti&id=42 

                                                                      http://www.bredent.com/it/bredent/product-information-v2/300/

 

                                                 Bibliografia

La bibliografia riguardo questa sezione è solo in lingua Inglese, quindi per eventuali approfondimenti potete consultare la seguente seguente pagina.

https://www.biosystemtre.com/english/research-development-metal-free/